Adsl o digitale terrestre

Pubblica in: 

Silanus è in ritardo di tre anni con l'ADSL.
In compenso abbiamo il digitale terrestre, una tecnologia perfettamente inutile, una nuova tassa in cambio del nulla.
Di seguito un interessante articolo reperibile su internet

Grazie ad una normativa inserita a suo tempo nella famigerata Legge Gasparri, il fratello del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sta facendo centinaia di milioni di euro di guadagni. Lo denunciano alcuni senatori del centrosinistra, che hanno oggi presentato una interrogazione urgente al ministro delle Telecomunicazioni Mario Landolfi, chiedendogli di segnalare al più presto all'Autorità garante della Concorrenza questa palese "violazione della legge sui conflitti d'interesse".

I fatti sono molto semplici: la legge Gasparri prevede che dal 31 gennaio del 2006 tutti i cittadini di Sardegna e Valle D'Aosta debbano procurarsi un decoder digitale per vedere qualsiasi canale (vi sarà infatti la transizione dal sistema tv analogico a quello digitale terrestre, rendendo impossibile la visione di qualsiasi rete senza decoder).

"Guarda caso - si legge nella interrogazione - il principale distributore in Italia dei decoder digitali Amstrad del tipo Mhp è la Solari.com, controllata al 51% da Paolo e Alessia Berlusconi attraverso la società finanziaria Pbf s.r.l. da loro posseduta".
I parlamentari del centrosinistra hanno fatto notare che soltanto da gennaio a luglio "il fatturato della Solari.com è raddoppiato fino a raggiungere 141 milioni di euro".

"Al di là del suo valore economico, la vicenda è molto grave - hanno aggiunto - è una palese violazione della legge sui conflitti di interesse secondo la quale il conflitto esiste anche quando l'atto o l'omissione del Presidente del Consiglio ha incidenza sul patrimonio del coniuge o dei parenti entro il secondo grado. Paolo Berlusconi è il fratello del Presidente del Consiglio, quindi parente di secondo grado. Che il fratello del Presidente del Consiglio operi con grande successo economico nel commercio di prodotti che il Governo sostiene con cospicui contributi va al di là di qualsiasi immaginazione".